Isola di San Paolo - Lago d'Iseo

Isola di San Paolo – Monteisola

Il convento di S. Paolo , si nasce e si sviluppa con il passare di molti anni sopra un isolotto che all’ inizio era considerato uno scoglio deserto e abbandonato. Venne considerato un’ appendice dell’isola più grande ma entro a quali confini non era stato ben considerato.
In quei tempi Rinaldi aveva scritto con il suo stile seicentesco: “Io non voglio hora fare l’Archimede , nè tirar le linee de confini, assendo che nell’acque le cose non ponno ordinariamente havere fermezza; perciò ancora quelli di Siviano dicono che quanto al sito sia compreso nel distretto del loro commune, ma quanto alla pratica e consuetudine il tengono nel suo quelli di Peschiera…….”.

Iseo, Siviano e Peschiera si contendono quindi lo storico isolotto perchè fu per oltre sette secoli, la sede di una casa religiosa con l’assenza di una giurisdizione che ha fatto perdere le tracce sulla sua primitiva appartenenza, al Pagus d’Iseo. La sua dislocazione geografica lo colloca in linea diretta sulla navigazione dei porti di Lovere e Pisogne ed anche quello di Iseo qui i due porti avevano un attracco esclusivo. Questa linea costeggia il fianco roccioso di Siviano, rendendo così impossibile l’attracco e l’approdo in particolare per i barconi. L’isola di San Paolo che è piana viene facilmente raggiunta venendo così utilizzata come rifugio per i naviganti sorpresi da una improvvisa bufera.
La denominazione S. Paolo è data dal motivo che l’apostolo Paolo era un navigatore che tante volte affrontò e superò le bufere del mar Mediterraneo, sembra così una identificazione benefica della funzione, di rifugio che aveva questo scoglio.
Nel XI secolo l’isolotto passò di proprietà della famiglia dei Mozzi, che se ne era impossessata probabilmente illegalmente per usurpazioni molto facili e generali al tempo.
Nel 1091 i Mozzi lo (restituirono) o lo donarono al monastero dei Cluny, che vi instaurarono un priorato, dipendente però dal monastero bergamasco di S Paolo D’Aragon in Val Cavallina. Il priorato cluniacense, subentrò per riassumere le funzioni di ospitalità di questa Stazione , la quale, fu poi in seguito quello di Cremignane, fu poi subito oggetto alla S. Sede,alla quale era data tassa annua per esenzione. Nel numero di priorati cluniancensi bresciani solo questi ebbero la protezione apostolica; questo fatto fa sospettare che tale privilegio sia stato ottenuto per premunirsi contro ingerenze di chiesa nelle vicinanze, in poche parole verso l’arciprete e il capitolo della pieve d’Iseo, che avrebbero potuto vantare diritti di giurisdizione parrocchiale su tutti e tutto. Il monasterium exemptum S.t. Pauli in insula Lacuspassando così di proprietà( per compera o per usurpazione ? ) della nobile famiglia Fenaroli di Pilzone, che per rispettare antiche tradizioni del luogo, sacro alla contemplazione, alla preghiera e all’ospitalità, lo cedette ai frati Minori dell’Osservanza, mantenendo peròcon riserbo la sepoltura gentilizia.

Isola di S.Paolo
Alessandro Fenaroli fu il fondatore del monastero degli Osservanti DOMUS SUAE ET PETRIAE DECUSÓ (decoro del casoto e della patria), morto il 15/08/1525 e sepolto nella chiesa di S. Paolo, davanti alla cappella dell’Immacolata che aveva eretto a sue spese. Sulla scritta sepolcrale del Rinaldi èriportata la scritta dove si afferma che egli FUHUIUS COENOBII DEVOTUS ERECTORÓ ( devoto costruttore di questo convento), ed il 1490, la data che gli storici francescani danno come probabile anno d’erezione I successori del Fenaroli fecero dipingere nel chiostro il loro stemma nobiliare per confermare il loro patronato gentilizio del convento, su cui loro ebbero continuo beneficio fino alla soppressione che avvenne nel Gennaio 1783. Così i 14 frati furono trasferiti nel convento di S. Francesco d’Iseo e l’isola passò così di proprietàprivata. Ora diventata una casa per villeggiature estive e non rimane più niente nè della chiesa nè del chiostro antico.

Al sig. Battista Berardelli si rivolse il Sig. Ghirardi che per l’isoletta sembrava che dovesse aver grandi progetti: un’ipotesi era quella che avrebbe installato una fabbrica di BANDE STAGNATE (lamierino stagno ), una cosa che era totalmente assente dalla produzione del territorio della Repubblica per cui si sarebbe assicurato il privilegio e l’esclusiva di produzione sul territorio.
La Serenissima che ara mai era in profonda crisi non diede risposta a Berardelli, che con una lettera il 22.2 -1785 , indirizzata al Ghirardi e girata a Venezia, rifece la sua offerta, impegnandosi a pagare un’affitto di £ 124 (all’epoca una cifra stratosferica).

Isola di San Paolo - Monte Isola

Isola di San Paolo – Monte Isola

Però Ghirardi nel mentre aveva fatto tracciare una cartina e stendere una relazione sulla possibile vendita dell’isolotto. Ma la Serenissima appunto in crisi non aveva intenzione di affittare ma voleva vendere così continuava a non prendere in considerazione le offerte di Berardelli che però non mollò l’osso e con una lettera il 6/5/1785 ci riprovò con motivi molto seri, descrivendo lo stato pietoso degli stabili, prendendosi la briga di badar personalmente a tutti gli edifici accontentandosi solo del reddito dato dagli orti.
Così a questo punto l’isolotto fu suo. Spinto poi dagli abitanti di Sensole, che erano stanchi di appartenere alla parrocchia di Siviano, domandò di poter riavviare al culto la propria chiesa.

CURIOSITA’

  • Verso la fine dell’800, da fonti ormai certe, siamo in grado di poter affermare che l’isolotto era raggiungibile a piedi attraverso una strada che giungeva da Sensole, in alcuni periodi dell’anno, quando l’acqua era più bassa.
    Ancora oggi, visibile sott’acqua, a pochi metri dallo scafo della barca si può vedere parte dell’antico sentiero che congiungeva le due isole.
  • L’isola di San Paolo resta ad oggi uno dei punti più pescosi del lago d’iseo: coregoni, lucci, pesci persici e tinche.
    Molti sono i pescatori che si ritrovano a pescare attorno all’isola che grazie ai suoi fondali svariati, bassi per certi tratti con piane di diversi metri che non scendono al di sotto dei 9 metri, fino ad arrivare a profondità variabili che tocano anche i 100 metri.
  • Secondo alcune voci molto attendibili l’isolotto sarebbe ora di proprietà della famiglia Beretta (i famosi costruttori d’armi della Val Trompia residenti a Gardone).
    Per quanto ci riguarda non li abbiamo mai visti sull’isola, ma il custode (residente a Monteisola) cura e gestisce gli affari dell’isola per loro.

 

 

The Floating Piers – blogroll

26 Giugno 2016 – Ore 21.35

Codice Rosso e sgombero immediato della passerella “The Floating Piers” in vista del temporale che si è abbattuto poco dopo sul lago d’iseo.

Tempesta su The floating piers

Tempesta su The floating piers

IMG_1078

Purtroppo visitatori tagliati fuori e con coperte termiche fornite dai Vigili del Fuoco ad aspettare il traghetto per rientrare sulla terra ferma.

23 Giugno 2016 – Ore 11.30

Stasera Chiusura di tutto il ponte a partire dalla 24.00
Ultimo accesso da Sulzano ore 22.00

Operazioni straordinarie di manutenzione al telo che risulta molto rovinato rispetto alle previsioni dell’artista.

Questo per tutto l’evento (salvo news)

22 Giugno 2016 – Ore 22

Bellissimo il ponte al tramonto

IMG_0978

Tratto Sensole - Isola di San Paolo

Tratto Sensole – Isola di San Paolo

Passerella verso Isola di San Paolo

Passerella verso Isola di San Paolo

2

22 Giugno 2016 – Ore 9.45

Consiglio: evitare i treni. Usare i mezzi e spostarsi nei parcheggi con BUS NAVETTA anche a ROVATO – CORTE FRANCA che sono ipercapienti.

19 GIUGNO 2016 – Ore 08.30

La colonna di turisti, curiosi e visitatori è pazzesca.

2016-06-20-PHOTO-00000032 2016-06-20-PHOTO-00000033 2016-06-20-PHOTO-00000034 2016-06-20-PHOTO-00000035

18 Giugno 2016 – Ore 09.30

Apertura del ponte!

Apertura The Floating Piers

Apertura The Floating Piers

17 Giugno 2016 – Ore 17.30

Vigilia dell’apertura

Sulzano - Montisola

Sulzano – Montisola

 

16 Giugno 2016 – Ore 13.30

l’Opera è quasi al termine!

Ponte visto da Peschiera Maraglio

Ponte visto da Peschiera Maraglio

The Floanting Piers visto da Senzano

The Floanting Piers visto da Senzano

16 Giugno 2016 – Ore 11.40

Ecco come si presenta la piazza di Sulzano stamattina.

2016-06-16-PHOTO-00000026 2016-06-16-PHOTO-00000029

Traghettando verso Peschiera Maraglio

2016-06-16-PHOTO-00000027 2016-06-16-PHOTO-00000030

15 Giugno – Ore 22.30

Il tessuto di un giallo cangiante comincia a essere posato! Il tempo è grigio ma i ragazzi si stanno dando da fare senza paura.

IMG_0943

posa del tessuto su the floating piers

posa del tessuto su the floating piers

15 Giugno – Ore 19.00

Arriva elicottero con rotoli del tessuto giallo cangiante e comincia la posa

2016-06-16-PHOTO-00000017 2016-06-16-PHOTO-00000018 2016-06-16-PHOTO-00000020 2016-06-16-PHOTO-00000021

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Posa di The Floating Piers - Foto Fiorello Turla

Slitta la data di “The Floanting Piers”

Il maltempo di questi giorni non ha aiutato di certo i ragazzi che da mesi sono all’opera per posare il ponte che da Sulzano permetterà di passeggiare fino a Peschiera Maraglio e poi fino all’isola di San Paolo.

Sembra proprio che i temporali, che da settimane si abbattono regolarmente sul Sebino, stiano rallentando i lavori di posa del tessuto finale per completare la passeggiata sul ponte.

Per ora, questa notizia non è confermata ma vi terremo aggiornati in modo da organizzarvi al meglio per la visita all’installazione artistica che dovrebbe inaugurare Sabato 18 Giugno 2016.

Posa di The Floating Piers - Foto Fiorello Turla

Posa di The Floating Piers – Foto Fiorello Turla

 

Salva

The Floating Piers

The Floating Piers 1) Cos’è? The Floating Piers è il ponte galleggiante che vedrà luce tra i Comuni di Sulzano e Monte Isola durante l’estate 2016 (tra il 18 giugno e il 3 luglio 2016: non a caso i giorni più lunghi dell’anno) proprio nel clou del solstizio d’Estate. L’artista di origine bulgara Christo che con la sua produzione artistica

Continua a leggere
logofestivalborghi2014

IX FESTIVAL NAZIONALE DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA

La cittadina di Lovere, insieme ai Comuni di Bienno e Monte Isola, dal 4 al 7 settembre 2014 ospiterà la IX edizione del Festival de “I Borghi più belli d’Italia”, il prestigioso club nato nell’anno 2001 su impulso dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (A.N.C.I.) con l’obiettivo di valorizzare e promuovere i piccoli centri italiani che hanno caratteristiche architettoniche, ambientali, di servizi e qualità della vita di eccellenza.

In occasione del festival saranno presenti a Lovere con i loro stand centinaia di comuni provenienti da tutte le regioni d’Italia in rappresentanza degli oltre 230 associati del club.

 

Ecco di seguito il link per scaricare il programma

Giovedì 4 settembre – MONTE ISOLA

  • ore 17.00 INAUGURAZIONE DEL FESTIVAL alla presenza delle Autorità e Rappresentanti dei Borghi presso Centro Promozione Turistica di Peschiera Maraglio
    VISITA GUIDATA per i vicoli del borghetto medievale di Peschiera Maraglio
  • ore 18.00 APERTURA MOSTRA E PREMIAZIONI CONTEST INSTAGRAM #FESTIVALBORGHI – “I BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA” presso l’Ufficio Turistico, sul lungolago di Peschiera Maraglio
    APERITIVO CON RICCO BUFFET DI TIPICITA’ DELL’ISOLA – ESIBIZIONE DI “NAÈCC”, LE TIPICHE IMBARCAZIONI A REMI DEL SEBINO dei vogatori della Polisportiva Monte Isola 2002.
  • ore 19.00 CONVEGNO “LA VALORIZZAZIONE DEL TURISMO LACUSTRE E FLUVIALE NEI BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA” presso Centro Promozione Turistica Peschiera Maraglio
    Interverranno:
    – Fiorello Turla, Sindaco del Comune di Monte Isola
    – Giovanni Guizzetti, Sindaco del Comune di Lovere
    – Marco Giavazzi, Sindaco del Comune di San Benedetto Po
    – Paolo Pizziol, Presidente dell’Agenzia Territoriale per il Turismo Lago d’Iseo e Franciacorta e Presidente della società coop. Cooptur
    – dott.ssa Rosa Maria Musco, consulente marketing turismo 4-7 settembre 2014 Lovere Bienno Monte Isola
    Conclusioni a cura di Fiorello Primi, Presidente del Club de “I Borghi più belli d’Italia”

Venerdì 5 settembre – BIENNO

  • ore 17.00 Accoglienza delle Delegazioni e delle Autorità CERIMONIA DEL TAGLIO DEL NASTRO presso palazzo Simoni – Fè
  • ore 17.30 Teatro Simoni – Fè:
    CONVEGNO “L’IMPORTANZA DEI PIANI DEL COLORE NELLA TUTELA DEL TERRITORIO: LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELLA BELLEZZA” a cura di Fiorello Primi, Presidente Club de “I Borghi più belli d’Italia”.
    Sponsor tecnico ARD Raccanello S.p.a.

Sabato 6 settembre – LOVERE

  • ore 9.30 Diretta con Radio Number One
  • ore 9.30 Alla presenza delle Autorità CERIMONIA DI APERTURA DEGLI STAND DEI BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA E DEL CONSORZIO “ECCE ITALIA” con accompagnamento della Banda Musicale di Lovere da Piazza V. Emanuele attraverso il Centro Storico
  • ore 10.00 Riprese televisive RAI 1
  • ore 10.30 PERFORMANCE SUL LAGO DEL SILENCE TEATRO con parata di imbarcazioni e passaggio di elicottero con tricolore 4-7 settembre 2014 Lovere Bienno Monte Isola
    Ospite l’atleta loverese della Canottieri Sebino PAOLO GHIDINI, medaglia d’oro e di bronzo ai Campionati del Mondo 2013 in Corea e medaglia d’argento ai Campionati mondiali 2014 a Varese.
  • ore 10.30-12:30
  • 15:30-18:30 MOSTRA FOTOGRAFICA CONTEST INSTAGRAM #FESTIVALBORGHI – “I BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA” presso Porto Turistico – Centro Civico Culturale
  • ore 11.00 CONVEGNO “LA NOSTRA STORIA, IL NOSTRO AMBIENTE: RISORSE PER UNO SVILUPPO ARMONICO”
    Relatori: – prof. Massimo Valerio Manfredi, scrittore e archeologo
    – prof.ssa Magda Antonioli, Direttore del Master in Economia del Turismo dell’Università Bocconi di Milano
    – Arch. Massimiliano Mandarini del Politecnico di Milano presso Sala dei Concerti dell’Accademia Tadini
  • ore 16.00 VI° CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA FEDERAZIONE “LES PLUS BEAUX VILLAGES DE LA TERRE” presso Sala Ruffini della Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi
  • ore 16.30 VISITA GUIDATA ALLA SCOPERTA DI LOVERE (aperta a tutti)
    Ritrovo presso l’ufficio turistico in Piazza XIII Martiri
  • ore 17.00 SPETTACOLO DEI FALCONIERI DEL ROSONE DI SULMONA in Piazza XIII Martiri
  • ore 20.45 CONCERTO DELL’ORCHESTRA “L’INCANTO ARMONICO” LE QUATTRO STAGIONI” di A. Vivaldi con il M° Glauco Bertagnin (primo violino solista de “I Solisti Veneti”) e performance “Come Angeli del Cielo” del Silence Teatro presso Basilica S. Maria in Valvendra
  • ore 22.15 CONCERTO ROCK DEL GRUPPO “TRASIMENO CLEARWATER REVIVAL” in Piazza XIII Martiri
  • ore 23.15 SPETTACOLO PIROTECNICO SUL LAGO
  • ore 24.00 Chiusura degli stand

Domenica 7 settembre – LOVERE

  • ore 9.00 Apertura Stand dei Borghi più belli d’Italia e del Consorzio “Ecce Italia”
  • ore 9.30 Diretta con Radio Number One
  • dalle ore 10.30 ANIMAZIONE DI STRADA CON LA BAND BRETONE DI CORNAMUSE BAGAD KIZ AVEL
  • ore 10.30-12:30 – 15:30-18:30 MOSTRA FOTOGRAFICA CONTEST INSTAGRAM #FESTIVALBORGHI – “I BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA” presso Porto Turistico – Centro Civico Culturale
  • ore 11.00 SHOWCOOKING DEL CUOCO, RISTORATORE E CRITICO GASTRONOMICO GIANFRANCO VISSANI in Piazza XIII Martiri
  • ore 15.00 PERFORMANCE “FIGURAZIONE – TRACCE” a cura del Silence Teatro in Piazza V. Emanuele II e in angoli caratteristici del centro storico
  • ore 15.00 VISITA GUIDATA ALLA SCOPERTA DI LOVERE (aperta a tutti)
    Ritrovo presso l’ufficio turistico in Piazza XIII Martiri
  • ore 15.30 SPETTACOLO DEL GRUPPO SBANDIERATORI SAN GEMINI Percorso: Piazza XIII Martiri – Piazza Garibaldi – Piazza V. Emanuele II – Borgo S. Maria – Piazza XIII Martiri
  • ore 16.30 CONCERTO DELLA BAND BRETONE DI CORNAMUSE
  • in Piazza XIII Martiriore
  • Ore 18.00 CERIMONIA DEL “PASSAGGIO DELLA BANDIERA DEL FESTIVAL” con passaggio di elicottero con tricolore alla presenza dei Sindaci di Gangi (PA) e Geraci Siculo (PA),
    Comuni che ospiteranno la X edizione del Festival nel 2015
  • ore 19.00 Chiusura del Festival e degli Stand

Sabato 6 e domenica 7 settembre a Lovere

  • ore 10.00-20.00 MOSTRA “BONSAI D’AUTUNNO” a cura del Club Camuno Bonsai presso Sala Zitti dell’Accademia Tadini. Ingresso libero da giovedì 4 a domenica 7 settembre – Accademia Tadini di Lovere
    Biglietto di ingresso individuale ridotto a 5,00 €. Ingresso gratuito per i minori di 10 anni.
1 2 3